Chiedi un preventivo gratuito

Mastoplastica Ricostruttiva in Tunisia o Turchia costo e prezzi, Foto Prima e Dopo

Mastoplastica Ricostruttiva info e costi tutto compreso

Preventivo gratuito

La ricostruzione del seno o la mastoplastica ricostruttiva comporta il ripristino della forma e del volume della mammella con l’aiuto di una protesi mammaria. I seni ricostruiti in questo modo tendono ad essere simili alla forma naturale del seno, ma sono più sodi e si muovono meno naturalmente di quelli che utilizzano i propri tessuti.

Questo può significare che è più difficile ottenere una forma naturale quando un seno è in fase di ricostruzione.

 

Per un intervento di ricostruzione mammaria, l’anestesia generale è obbligatoria.

Il soggiorno in Tunisia o in Turchia è a titolo indicativo di 7 giorni.

La ricostruzione mammaria in Tunisia : una svolta nella medicina estetica.

Anche se la restituzione non è identica al seno rimosso, rimane una vera e propria evoluzione scientifica. Sono possibili diverse tecniche, ma dipendono dalla qualità della pelle e del muscolo pettorale. Bisogna davvero che il chirurgo, il ginecologo e il oncologo siano d’accordo su cosa fare. In realtà, le domande a cui bisogna rispondere sono: quando e come ricostruire.

 

Quando effettuare una ricostruzione mammaria?

Talvolta è possibile che l’atto ricostruttivo avvenga immediatamente durante la mastectomia. Ma questo è solo il caso in cui non è necessario un ulteriore trattamento (radioterapia, chemioterapia). Inoltre, questo tipo di pratica è stato criticato perché l’intervento viene effettuato quando i tessuti non sono maturi, il che spiega un tasso più elevato di complicazioni.

 

Mastoplastica Ricostruttiva Tunisia o Turchia costo e prezzi Prezzo

Come avviene una ricostruzione mammaria in Tunisia o Turchia ?

Per una mammoplastica immediata, spesso si parla di protesi. Infatti la tecnica è semplice e rapida, si può fare facilmente dopo la mastectomia senza aumentare di molto il tempo dell’ intervento. Tuttavia, quando si prevede una radioterapia al seno da ripristinare, l’uso della protesi deve essere evitato a causa del rischio elevato di scafo. In questo caso è necessario ricostruire il seno con un lembo. Chirurgia e Vacanze è il vostro partner per la chirurgia del seno in Tunisia.

Abbiamo stabilito delle partnership serie e generose con tutti i soggetti interessati: cliniche, medici, ma anche gli hotel per il vostro periodo di convalescenza. Scegliere la Tunisia o la Turchia è godere di vantaggi molto generosi a costi minimi.

 

La ricostruzione del seno fa male? Quali sono i costi?

Dopo l’intervento, i dolori sono comuni. Sono curati con un’infusione di potenti antidolorifici di tipo morfina. Successivamente, l’infusione può essere sostituita da una dose di compresse. Possono comparire edema o lividi dopo l’intervento. Possono essere dolorosi per qualche giorno, ma svaniscono rapidamente.

Quali sono le complicazioni della ricostruzione del seno?

Una volta completata l’operazione, i tessuti devono guarire. La sensibilità del nuovo seno è più debole, ma col tempo può tornare normale. Anche se questi interventi sono sempre più sicuri, alcune complicazioni possono apparire come un’infezione, una forma del seno non estetico, una guarigione difettosa, ematomi, ispessimento della pelle e talvolta necrosi dei tessuti. Nel caso di una ricostruzione mediante un lembo del grande dorso, una linorrea può subentrare (versamento): è una sacca di liquido che si forma a livello del sito mammario o dorsale. Questa complicanza può risolversi da sola o può essere trattata attraverso una puntura. In caso di posa di protesi, si può osservare uno spostamento dell’impianto. In caso di problemi, non esitate a parlarne con il vostro chirurgo, soprattutto se vi è una preoccupazione a livello di resa estetica. Uno stile di vita sano migliora la guarigione (smettere di fumare, moderato consumo di alcol non alcolico) e permette di evitare alcune complicazioni.

 

Quali sono le conseguenze post-operatorie della ricostruzione del seno?

Dopo l’operazione, è necessario un riposo assoluto e si deve evitare di portare carichi pesanti per qualche tempo. Indossare un reggiseno adatto è essenziale anche in attesa che i tessuti si cicatrizzano. Una visita post-operatoria è inoltre prevista entro 15 giorni dall’operazione per ovviare a qualsiasi complicazione.

Richiedi maggiori dettagli

  Prezzo


Per un intervento di ricostruzione mammaria su tre fasi, il prezzo indicativo è di 8000 euro. Richiedi un preventivo gratuito sul nostro sito.

Riceverai le foto prima e dopo la tua richiesta di preventivo.

FAQ

Si può allattare dopo una mastoplastica additiva?

L’allattamento al seno è possibile, poiché le protesi (o impianti) sono situate dietro la ghiandola mammaria e questo indipendentemente dalla posizione della cicatrice. L’arborizzazione dei canali (canali galattofori o lattiferi) che conducono il latte verso il capezzolo è rispettata. Il posizionamento della protesi per via ascellare (cicatrice sotto il braccio, nella cavità dell’ascella) e submammaria (cicatrice nascosta nel solco situato sotto il seno) dal punto di vista tecnico non pone problemi o rischi per l’allattamento, poiché i canali galattofori si trovano in larga misura a distanza.

La via emierolare (cicatrice sul perimetro dell’areola) è un po' più delicata, ma quando il chirurgo è esperto e cauto, è in grado di preservare i canali galattofori e la loro arborizzazione terminale. Infatti, anche se la via iniziale non è lontana dal capezzolo e quindi dall’albero galattoforo, la posa dell’impianto avviene mediante una «discisione» della ghiandola, cioè i tessuti ghiandolari sono «raccolti» (scartati) senza una vera sezione. Si comprende tuttavia perché il chirurgo plastico debba essere cauto. Sappiate che la sezione dei canali rimane molto rara. È assolutamente possibile allattare al seno dopo un aumento del seno mediante protesi.

L’uso di protesi mammarie, quindi, non impedisce l’allattamento al seno, poiché le protesi si trovano dietro la ghiandola mammaria o dietro il muscolo. L’introduzione di impianti per via ascellare o sotto mammaria spesso rassicura le pazienti (assenza di rischio di lesione dei canali galattofori),ma in generale l’uso del passaggio attorno all’areola non pone alcun problema: se il chirurgo è esperto e non seziona l’arborizzazione terminale di questi canali, il rischio per l’allattamento con questa via inizialmente è quasi nullo.

Se invece si deve associare un’importante correzione della malattia (intervento della plastica-protesi) e, di conseguenza, la piastra areolo-capezzolo deve essere spostata ed ascesa, un allattamento futuro rischia di essere perturbato (ma non è necessariamente impossibile).